Milano 1946

Il messaggio di auguri del presidente Selmi
"Che orgoglio essere il club con più tesserati"

Ecco il messaggio di Alessandro Selmi a tutto il mondo rossoblù: "Il 2022 chi ha regalato il primato italiano per numero di tesserati nel settore giovanile e per il maggior incremento di iscritti. Ripartiremo da questo successo stimolante. Nonostante la delusione per la retrocessione in B siamo pronti a rialzarci subito, ma serve una crescita tecnica complessiva. Macias il primo acquisto importante tra gli allenatori. La sfilata di Hugo Boss-Russell ha dimostrato le potenzialità del Kennedy. Nella prossima stagione avremo almeno uno spogliatoio ristrutturato. Ringrazio Fibs e Comune per quello che stanno facendo e propongo al Comitato regionale di ospitare al Kennedy il Trofeo delle regioni. Ma adesso puntiamo a realizzare un nuovo campo per il softball e i ciechi nella scuola dietro il Kennedy. E ringrazio tutti voi che mi siete stati vicini nel momento più difficile, la scomparsa di Lorenzo".


Carissimi,
 
eccoci arrivati ad un nuovo giro di valzer, ci mettiamo alle spalle il 2021 e siamo proiettati verso la nuova stagione 2022. 
Permettetemi però,  prima di voltare pagina, di fare un piccolo bilancio del 2021: un anno a due facce, da una parte le straordinarie soddisfazioni di una società che cresce sia nel baseball che nel softball, che allarga i suoi orizzonti, i cui investimenti restituiscono dividendi interessanti in ottica di sostenibilità sul medio/lungo periodo; tutti segnali che ci dicono che la strada intrapresa è quella giusta. Essere la prima società in Italia per i numeri del settore giovanile e per la crescita dei tesserati rispetto all'anno precedente sia da stimolo per tutti, la quantità è solo l'inizio, ora bisogna continuare ad investire sul binomio quantità/qualità. Il centro Kennedy nel suo primo vero anno di gestione è stato un successo, il circolo soci, i tantissimi volontari che ringrazio con affetto, gli eventi organizzati a tutte le ore, un luogo vivo e di aggregazione per tutti, giovani e meno giovani. Infine, con la sfilata di Hugo Boss/Russell Athletics, la struttura ha mostrato al mondo (sì, non solo all'Italia, vista la risonanza mediatica) le sue potenzialità per ospitare eventi, sportivi e non, di alto livello.
 
D'altra parte l'amarezza della retrocessione dalla massima serie del baseball, gli errori commessi nella gestione dei giocatori stranieri, sono segnali di una mancanza di esperienza che va colmata assolutamente per riprendere il percorso anche dal punto di vista tecnico. Qualche scopertura organizzativa di troppo, qualche affanno nel gruppo dirigente che si fa in quattro, ma al quale servono nuova linfa vitale e nuove competenze da aggiungere. E poi e difficoltà nella gestione di un grande centro sportivo con tanti problemi logistici, spesso derivanti dall'età della struttura stessa.
 
In mezzo una grande sofferenza personale, per la quale voglio davvero ringraziare tutti gli amici del Milano 1946: senza di voi, senza l'affetto e il calore che tutta la mia famiglia ha sentito, sarebbe stato meno sopportabile. Nel momento peggiore, a metà settembre, quando Lorenzo ormai ci stava salutando, non ho trovato posto migliore che il nostro campo, la nostra gente, i vostri sorrisi e abbracci. Grazie allora, da parte mia e della mia famiglia. Auguro davvero a tutte le nostre ragazze e i nostri ragazzi di avere lo stesso spirito agonistico di Lorenzo.
 
Ora è il momento di tracciare le linee guida per il 2022, cominciando sempre dalla nostra casa. Il Kennedy nel 2022 dovrebbe regalarci la possibilità di fruire dei nuovi spogliatoi, per questo voglio ringraziare FIBS e Comune di Milano che stanno investendo sulla struttura e scommettendo sulla possibilità di rendere il centro adatto ad ospitare eventi importanti. I tempi, come spesso acccade in ambito pubblico, sono frutto di una serie di lunghe questioni burocratiche ma siamo confidenti che il percorso avviato potrà chiudersi positivamente, anche per i lavori riguardanti le tribune. Nel frattampo il Milano 1946 dovrà continuare a prepararsi, a fare esperienza, a migliorare, per farsi trovare pronto al tavolo degli organizzatori quando potremo ospitare qualcuno di questi eventi. Lancio da qui il primo appello al Comitato Regionale della FIBS, il Torneo delle Regioni del 2022, dopo 2 anni di stop, sarà organizzato in Lombardia, quale miglior occasione per dimostrare tutti insieme che gli investimenti federali sono orientati al miglioramento del movimento nel suo complesso? Nel 2022 dovrebbe anche essere portato a regime un altro progetto importantissimo, un investimento che, insieme alle due squadre di baseball ciechi di Milano, Thunders e Lampi, il Milano ha deciso di proporre alla Città Metropolitana: costruiremo un nuovo campo da softball regolamentare e il primo diamante esclusivo da baseball ciechi in Italia, in una zona attigua al centro Kennedy. Siamo in fase avanzata di approvazione del progetto, mancano alcuni dettagli ma siamo molto fiduciosi, il problema degli spazi a seguito della crescita è ormai evidentissimo e va risolto alla radice.
 
Dal punto di vista organizzativo aggiungeremo due nuovi consiglieri, il primo, Stefano Lusian, è stato nominato dall'Assemblea di novembre, il secondo entrerà a gennaio e comunicheremo il suo ingresso appena formalizzato. Segnali importanti, di crescita appunto e di allargamento del gruppo che deve guidare la società nei prossimi anni ad un ulteriore salto di qualità in termini di scelte strategiche. 
 
Dal punto di vista tecnico dobbiamo ancora una volta parlare di crescita, abbiamo ingaggiato un tecnico esperto e carismatico come Richard Macias, che si aggiunge ad una compagine tecnica preparata e motivata (grazie a tutti gli allenatori, vedervi lavorare è un grande piacere!). Il focus continuerà ad essere posto sulla formazione tecnica e atletica dei più piccoli, per preparare sempre più ragazze/ragazzi  ad affrontare campionati seniores con le nostre Prime squadre. La serie B baseball e la serie B softball si presenteranno ai nastri di partenza della stagione con un bagaglio di esperienza più completo, ma anche con un approccio volto a dare spazio e fiducia alle ragazze e ai ragazzi più giovani e promettenti. Vogliamo sempre primeggiare, senza creare pressioni anomale, ma si sa che il Milano 1946 deve sempre essere protagonista!
 
Allora, care atlete, cari atleti, cari tecnici, cari dirigenti, carissimi volontari, non sentite anche voi il richiamo del campo? Del profumo dell'erba tagliata, delle nostre feste, delle valide e delle palle prese al volo? Manca poco, pochissimo, fate un brindisi a capodanno anche per il Milano 1946, auguriamoci che la fortuna continui a premiare gli audaci! E...come prima azione dell'anno nuovo, tutti a rinnovare la tessera di Socio del Milano; per chi invece, contro ogni pronostico, ancora non si fosse associato, qui si trovano le istruzioni per correre ai ripari nel più breve tempo possibile. 
 
Un abbraccio, Buon 2022 e sempre Forza Milano!!!
 
                                                                                                                                                        Alessandro Selmi
 

 

01/01/2022