Milano 1946

Il IX Premio Doriano Donnabella a Ivan Guerci e Alberto Spinosa

Il Consiglio del Milano ha proclamato i vincitori della IX edizione del Premio Donnabella: in base alle vostre preferenze quest'anno abbiamo assegnato due premi effettivi e due bandiere del Milano: Ivan Guerci, il giocatore con più presenze nella nostra squadra, e Alberto Spinosa, l'unico ad aver vissuto sul campo i grandi cicli dell'Europhon (da giocatore) e della Mediolanum (da coach). Il premio alla memoria, data la dispersione di voti, non è stato assegnato. La consegna dei premi avverrà nella consueta cena, non appena le condizioni epidemiche lo consentiranno


Ivan Guerci e Alberto Spinosa nel 2006

Purtroppo il maledetto virus sta rallentando e riducendo ai minimi tutte le nostre attività, ma non potevamo certo dimenticarci del premio Donnabella, anche se le circostanze ci impediscono di ritrovarci e festeggiare. Grazie dunque a tutti quanti hanno voluto comunque farci pervenire le loro preferenze anche per questa edizione del premio dedicato al grande Doriano, che è ormai la nona…

Quest’anno, proprio in base all’orientamento dei votanti, c’è anche una novità: abbiamo deciso di non assegnare il premio alla memoria, vista la dispersione di voti, e invece daremo due premi effettivi a due personaggi che sostanzialmente si sono divisi le preferenze del 2020, due grandi ex che rappresentano un lungo periodo della nostra storia e tra l’altro sono accomunati dallo stesso numero di casacca: il 15.

Il IX Premio Doriano Donnabella va dunque a Ivan Guerci e ad Alberto Spinosa: il primo è il “supercapitano” del Milano, il giocatore che vanta il maggior numero di presenze con la nostra casacca, ben 718 solo in campionato, e il secondo è l’unico rossoblù ad aver vissuto sul campo i due periodi più brillanti della nostra storia, prima giocatore dell’Europhon e poi come coach della Mediolanum.

Ivan Guerci, cresciuto nell’Inter, è arrivato al Milano nel 1982 e ha giocato come esterno e prima base fino al 2003, ricoprendo anche l’incarico di allenatore-giocatore nella seconda parte del 2002, dopo le dimissioni di Borroni. E’ il recordman delle presenze da titolare all’esterno centro (264 partite) ed è il terzo come prima base (dietro Novali e Bacio). Con Raoul Pasotto e Piero Allara ha formato la seconda linea di esterni più utilizzata della nostra storia (48 partite), dietro solo al trio Luigi Re-Spears-Allara. Ma soprattutto è stato il grande protagonista della nostra prima vittoria in coppa delle Coppe a Skelleftea con la valida decisiva per il sorpasso sul Rotterdam al nono inning. In rossoblù ha vinto anche una seconda coppa delle Coppe, la Supercoppa europea e due coppe Italia.

Anche Alberto Spinosa ha giocato tre stagioni nell’Inter nella parte iniziale della sua carriera, poi è diventato una delle colonne del Milano, totalizzando 364 presenze in 14 stagioni tra il ’58 e il ’75, vincendo 6 scudetti e 3 coppe dei Campioni. E anche Alberto per un anno (nel ’72 dopo l’uscita di scena di Cameroni) è stato giocatore-allenatore, portando il Milano alla quarta finale di coppa Campioni consecutiva, persa poi con il Nettuno. Inoltre è stato coach di Mauro Mazzotti dall’87 al ’91. Spinosa ha formato con Carlo Passarotto la più classica coppia al centro del diamante rossoblù (86 partite con Alberto in seconda e Carlito interbase), ma anche la seconda “keystone combination” di tutti i tempi, giocando da interbase con Ugo Balzani in seconda (79 partite). In assoluto “Spino” è il terzo interbase titolare del Milano (147 partite), dietro Passarotto e Selmi e anche il terzo seconda base (130 volte titolare) dietro Brusati e Ugo Balzani. Ha vestito anche 36 volte la maglia azzurra partecipando a quattro Europei.

Tornando ai vostri voti, Guerci e Spinosa si sono divisi il 34% delle preferenze, seguiti a distanza da Pasotto (9%), Gandini e Paganelli (7% a testa), Brusati, Selmi e Fraschetti (5%), Mazzotti e Giulianelli (4%). I voti alla memoria, come detto, sono stati dispersi tra tanti nominativi, da Paschetto a Moia, da Mangini a Robert Fontana, ma senza percentuali significative.

Quest’anno, purtroppo, non è stato possibile organizzare la consueta cena di fine stagione in cui solitamente consegniamo i premi, ma ci ripromettiamo di organizzarla non appena le condizioni di sicurezza ce lo consentiranno. Anche perché in quell’occasione dovremo anche festeggiare la nostra promozione in serie A2, vero fiore all’occhiello della stagione che purtroppo non ha potuto avere un’adeguata celebrazione. L’appuntamento, dunque, è a quanto prima possibile. Intanto, assieme agli auguri di Natale, mandiamo a Ivan e Alberto le nostre più grandi felicitazioni.

 

L'albo d'oro del Premio Doriano Donnabella:
2012: Emilio Lepetit
2013: Elia Pagnoni e alla memoria di Gigi Cameroni
2014: Lorenzo De Regny e alla memoria di Gianni Ghitti
2015: Giancarlo Piazzi e alla memoria di Giulio Glorioso
2016: Angelo Novali e alla memoria di Ugo Cossu
2017: Carlo Passarotto e alla memoria di Silvano Ambrosioni
2018: Enrico Zenesini e alla memoria di Goliardo Zanella
2019: Piero Allara e alla memoria di Paolo Cherubini
2020: Ivan Guerci e Alberto Spinosa

 

Sulla nostra pagina facebook la fotogallery dei premiati: https://www.facebook.com/milanobaseball/photos/pcb.2211724105638037/2211721598971621/

23/12/2020