Milano 1946

Effetto pandemia: rinviato l'inizio dei campionati

Il Consiglio federale ha annunciato che l'inizio della stagione slitterà a maggio, ma attende di confrontarsi con le società per stabilire la nuova data. I campionati giovanili però partiranno dall'8 maggio


Era nell’aria, ma adesso è ufficiale: l’inizio dei campionati 2021 slitterà più avanti. Anche quest’anno, dunque, l’avvio dell’attività nazionale è condizionata dall’andamento della pandemia che induce a ritardare le operazioni di avvio della stagione. Lo ha stabilito il consiglio federale di oggi che tuttavia non ha stabilito una nuova data per l’inizio della serie A, ma ha programmato un incontro con le società per concordare i nuovi termini di partenza del campionato. Un rinvio che comunque non potrà essere molto dilazionato, visto che la stagione è condizionata dallo svolgimento dei campionati europei in programma a Torino dal 12 al 19 settembre. Non solo, ma contestualmente la Fibs ha autorizzato il via dei campionati giovanili l’8 maggio e sarebbe pertanto incongruente non poter svolgere nello stesso periodo le attività seniores.

Qualsiasi tipo di rinvio potrebbe però indurre la federazione a rivedere la formula del campionato, già di per sé molto complessa e soprattutto strettamente vincolata alla disputa di tutti gli incontri, con il rischio, in caso di qualsiasi rinvio, di dover ritardare l’inizio della seconda fase per l’impossibilità di definire i gironi. Non resta che attendere la convocazione del confronto con i club e le conseguenti decisioni. Per il momento, e sempre in attesa di conoscere il protocollo sanitario, prendiamo atto che in aprile non si giocherà.

24/03/2021