Milano 1946

Da Carrillo a Torrellas, i numeri di una stagione alla venezuelana

Sabato si conclude la stagione con la disputa del Trofeo Cameroni 2021 e noi riepiloghiamo tutte le statistiche stagionali. Da Francisco Carrillo padrone del monte rossoblù (2.25 di media pgl) ad Angelo Torrellas miglior mazza (313 di media), passando anche per le cifre negative della stagione, come il record negativo assoluto di basi rubate, solo 19, che resisteva da 65 anni. 26 i giocatori utilizzati da Fraschetti, numero massimo dal 2012 quando Bonetti ne schierò 28 nello United di IBL2.  


La batteria venezuelana del Milano 2021: Francisco Carrillo e Angelo Torrellas

Sabato si chiude la stagione 2021 con l’ultimo atto rappresentato dal XV Trofeo Cameroni e noi accompagniamo la conclusione con il consueto bilancio statistico del campionato che ha visto purtroppo il Milano retrocedere in serie B dopo una sola stagione tra le big. Stagione contrassegnata dal ritorno quasi completo alla normalità post pandemia, tanto che rispetto allo scorso anno (16 gare in totale) le partite disputate (29) sono quasi raddoppiate. Siamo tornati almeno al livello di due anni fa in serie B quando se ne giocarono 28. Nel 2018 in serie B se ne disputarono 36.

I ragazzi di Fraschetti hanno chiuso il campionato con un misero 138 di media frutto di sole 4 vittorie e 25 sconfitte, cifre che fotografano la peggior stagione della storia rossoblù dopo il 1955, anno della prima retrocessione con 2 vittorie e 15 sconfitte (media 133). Lo scorso anno la serie B venne vinta con 750 di media (12 vittorie e 4 sconfitte).

Tre sono i giocatori che hanno disputato tutte e 29 le partite: Nicola Bancora, Andrea Capellano e Marco Pasotto, come lo scorso anno furono in tre (Capellano, Fraulini e Sanguedolce) i sempre presenti, ma in 16 incontri. Per trovare un leader stagionale con così tanti incontri giocati bisogna tornare al 2018 con le 35 presenze di Marco Pasotto. Primatista stagionale di turni validi alla battuta è Luca Fraschetti con 100 AB, 32 in più rispetto al leader dello scorso anno Capellano (68 AB), mentre gli ultimi a superare i 100 turni furono lo stesso Fraschetti (108) e Capellano (104) nel 2019.

Luca Fraschetti è anche il leader stagionale delle battute valide in coabitazione con Angelo Torrellas: 25 a testa. L’anno scorso Capellano, il migliore, si fermò a 19, mentre due anni fa il solito Fraschetti arrivò a 35. Nei doppi primato stagionale per Torrellas (8), uno in più di Andrea Lo Monaco in serie B un anno fa (7), mentre due anni fa lo stesso Lo Monaco era arrivato proprio a 8. Nei tripli un terzetto al comando con 2 a testa: Lorenzo Ambrosioni, Nicola Bancora ed Elio De la Rosa. Lo scorso anno in B furono Garrido e Sanguedolce ad arrivare a quota 2.

Il venezuelano Torrellas è il leader degli homer, anche perché è stato l’unico rossoblù a buttarla fuori (2 volte) in questa stagione. Stesso discorso che riguardò l’anno scorso David Garrido con i suoi 2 fuoricampo in serie B. L’ultimo ad aver superato i 2 homer stagionali resta così Francesco Banfi autore di 3 fuoricampo nello United 2013.

Angelo Torrellas è anche il miglior battitore rossoblù del 2021 con 313 di media, succedendo ad Andrea Lo Monaco miglior mazza del 2020 in serie B con 356. Per trovare un leader stagionale con una media battuta più bassa bisogna tornare a Niccolò Milani nel 2015 con 280 in serie A2. In prima serie bisogna invece risalire al 312 di Davide Bassi nel 1986.

Anche nei punti battuti a casa comanda Torrellas con 19, due in più di Garrido (17) lo scorso anno in B, mentre per trovare un leader con più PBC bisogna risalire a Lo Monaco (23) nel 2019. In serie A invece David Sheldon arrivò addirittura a 62 in 46 partite nel 1998. Andrea Capellano ha segnato più punti di tutti (14), mentre l’anno scorso arrivò a 26 in serie B. Per trovare un leader stagionale con soli 14 punti segnati bisogna tornare ad Alex Herenandez nel 2015 in A2. Capellano, tra l’altro, è il leader di squadra dei punti segnati per il terzo anno consecutivo, eguagliando i tris realizzati solo da tre grandissimi come Gigi Cameroni (1958-59-60), Carlo Passarotto (1970-71-72) e Roberto Bianchi (1990-91-92).

Anche nelle basi rubate il leader è Capellano con 6, mentre l’anno scorso in serie B Giacomo Fraulini arrivò a 13. E per trovare un bottino così magro per un primatista stagionale di basi rubate bisogna tornare indietro di 65 anni, al campionato di serie B 1956, quando Fulvio Pinotti rubò solo 6 basi, ma in appena 7 partite disputate. E infatti il Milano di quest’anno ha stabilito il nuovo record negativo assoluto di basi rubate in 74 campionati disputati: appena 19 “furti” in 29 partite. Nettamente peggiorati i primati precedenti di 27 basi rubate nel 1956 (ma in appena 7 partite giocate in tutta la stagione di serie B) e 29 nel 2009, primo anno di United in A2 (su 36 partite disputate).

Passando ai lanciatori c’è da registrare ovviamente il dominio incontrastato di Francisco Carrillo, miglior media pgl con un ottimo 2.25 in 100 inning tondi tondi sul monte. Lo scorso anno in serie B Geronimo Morillo chiuse a 0.94, ma con 28.2 riprese lanciate. Due anni fa, sempre in B, Luca Capellano arrivò a 81.1 inning con 3.32 di pgl. In serie A l’ultimo pitcher rossoblù a fare meglio è stato Joel Lono con 2.08 nel 1991, mentre in A2 un altro venezuelano, Omar Bencomo, aveva chiuso il 2014 a 0.65. Bencomo in quella stagione è stato anche l’ultimo pitcher rossoblù a toccare i 100 inning arrivando a 110.

Tre le partite vinte da Carrillo contro le 8 vinte da Reyes lo scorso anno in B, mentre anche nell’ultimo anno di A2, il 2016, Anthony Arcila, Piccini e Vialetto si fermarono a 3 vittorie a testa. Carrillo ha dominato anche la classifica dei kappa stagionali con 128. Lo scorso anno Reyes arrivò a 105, mentre per trovare un bottino superiore bisogna andare ai 165 kappa di Nicolò Pinazzi nel ’18 sempre in B. Bencomo in A2 nel ’14 arrivò a 153, mentre in A1 l’ultimo a fare meglio è stato Daryl Smith nel ’92 con 171 strikeout.

Dieci i pitcher schierati in totale da Fraschetti in questa stagione (Carrillo, Pizzi, Calvo, Morillo, Polce, Biegel, Girasole, Colon, Coppola e De la Rosa) contro i 7 dello scorso anno (Reyes, Morillo, Pizzi, Coppola, Polce, Andrea Capellano e Meazza), mentre per trovare un numero superiore di lanciatori impiegati in una stagione bisogna risalire al 2013 quando Bonetti ne impiegò 11 (Marzullo, Grassi, Duarte, Sala, Gargamelli, Franco, Della Penna, Milani, Bortolomai, Hernandez e Francesco Banfi).

Infine i giocatori schierati in questa stagione da Marco Fraschetti sono stati 26 (da Luca Fraschetti, Capellano e Bancora con 29 presenze a Padella con una), ben 9 in più dei 17 utilizzati lo scorso anno in B (da Capellano, Sanguedolce e Fraulini con 16 presenze a Meazza con 3); per trovare una stagione con così tanti rossoblù in campo bisogna tornare al 2012 in IBL2 quando Piero Bonetti ne utilizzò 28 (da Stefano Realini e Alessandro Bortolomai con 26 presenze a Trabuio e Palma con una).

21/10/2021