Milano 1946

A Senago due ko di misura e qualche rimpianto

Il Milano torna da Senago con due sconfitte di misura (11-10 e 1-0), la prima addirittura al tie break. Da una parte c'è la rabbia per il primo incontro gettato al vcento, dopo essere stati in vantaggio 10-6, dall'altra c'è la consapevolezza che i rossoblù possono giocarsela con tutti, dopo aver messo alle strette la squadra più quotata del girone. Rientra Torrellas (secondo homer stagionale) e si sblocca tutto l'attacco


Boniardi in battuta contro Pizzi nel tiebreak del primo incontro

Il Milano cade due volte anche a Senago, ma fa soffrire la squadra più quotata del girone in entrambe le partite. E le due sconfitte di un solo punto lo testimoniano. Anzi, nel primo incontro c’è indubbiamente da recriminare per un’occasione sprecata e aver ceduto al decimo inning dopo essere stati in vantaggio 10-6 fino all’8’. Ma qui i rossoblù hanno pagato l’inesperienza e anche un po’ di sfortuna. Nella seconda sfida invece, dominata dai due lanciatori venezuelani Belisario e Carrillo, la squadra di Fraschetti ha pagato amaramente un errore di Ambrosioni punito dalla valida di Pistocchi che ha fruttato l’unico punto senaghese.

Finalmente, comunque si è sbloccato l’attacco del Milano, trascinato da Torrellas finalmente rientrato dopo l’infortunio che aveva fatto temere un’assenza più lunga. E il venezuelano mette a segno nel primo incontro anche il suo secondo homer stagionale.

La prima è una partita strana, aperta da un solo homer di Armigliati, pareggiato da Bancora (singolo) su errore difensivo. Senago nuovamente in vantaggio su doppia rubata e pari su fuoricampo di Torrellas. Al 4’ il Senago sembra prendere il largo con 4 punti segnati su un doppio di Betti “aiutato” da Fraulini. Ma il Milano non molla e accorcia con Fraschetti su volata di sacrificio di De la Rosa. E al 6’ arriva l’incredibile ribaltone quando Dave Sheldon sostituisce il figlio Bryan con Grassi: l’attacco milanese si scatena e segna addirittura 7 punti in una ripresa con tre valide di Fraulini, Sanguedolce, Pasotto e un triplo di Bancora.

Il vantaggio di 4 punti non basta però ai rossoblù che all’8’ (con Morillo sul monte rilievo di Calvo) subiscono tre singoli consecutivi, anche con un pizzico di sfortuna, e un doppio di Boniardi che poi pareggia su volata di sacrificio di Realini. Si va ai supplementari ed è ancora il capitano senaghese a battere la valida della vittoria.

Nel pomeriggio, come detto, partite dominate dai pitcher con 4 valide per squadra e un errore in più per il Milano (due a uno), quello che costerà la partita al quarto inning. Carrillo chiude con 9 strikeout in 8 inning, Belisario con 13.

Sapevamo che sarebbe stato difficile spuntarla in casa del Senago, ma ci siamo andati vicini. L’importante è che la squadra prenda consapevolezza delle proprie possibilità proprio da questi due ko di misura. Domenica al Kennedy c’è il Settimo Torinese e non si possono più lasciare partite per strada.

12/07/2021